domenica 28 marzo 2010

INCREDIBILE MA VERO!!!!

Stamattina a Toirano, in località Certosa sono stati trovati nei campi vari panettoni, un contadino del luogo tale Luca Salamini ha dichiarato" stamattina come al solito mi sono recato nell'orto per spargere letame e raccogliere le cacche dei conigli quando, so che non mi crederete, dieci panettoni sono caduti dal cielo. Non so se qualcuno li ha lanciati  a me è sembrato che piovessero. adesso la gente mi prenderà sicuramente per matto".
I vigili allertati effettivamente si sono trovati davanti a dieci panettoni nell'orto del signor Salamini, anche se sembrano scettici sulla possibilità che siano caduti dal cielo. che sia uno scherzo di qualche buon temponi?

domenica 7 marzo 2010

ALICE IN WONDERLAND

Alice è una rivisitazione di Tim Burton dei due classici della letteratura di fine ottocento di Lewis Carroll, Alice nel paese delle meraviglie e Attraverso lo specchio, e purtroppo devo dire una rivisitazione non troppo riuscita,. Se da un lato, infatti, il regista mantiene tutti i personaggi principali delle storie di Carroll, il Bianconiglio, la regina di cuori, il cappellaio matto, da'alltra banalizza molto la storia introducendo una iniìutile regina bianca e riducendo il tutto ad una lotta tra il bene e il male con annessa uccisione del drago. Peccato, perchè l'alice letteraria oltre ad essere un bellissimo trip ante lsd, era anche un romanzo di formazione, passatemi il termine, in quanto il viaggio di Alice non era altro che una grande allegoria del passaggio dall'infanzia alla vita adulta. Tutto questo nel film di Tim Burton non c'è o è appena appena accennato. Peccato. Inutile , inoltre il tre d di cui in questo film non si capisce la funzione se non quella di attirare più gente al cinema.
Da vedere se non c'è nient'altro che vi attira.

INVICTUS

Film facente parte della filmografia cosiddetta minore di Clint Eastewood, Invictus è un'opera che colpisce al cuore. L'autore mostra la grandezza di un uomo, Nelson Mandela, che dopo ventisette anni di carcere, divenuto presidente del SudAfrica, deve trovare il modo di ricomporre e costruire un'identità nazionale di un paese per troppi anni diviso da insulse teorie razziali. Per fare questo quale modo migliore se non unire la nazione attorno agli Springbooks che nel 1995 giocavano in casa la coppa del mondo di rugby?
Questo film sottolinea ancora una volta l'importanza politico- sociale dello sport e la sua capacità di rompere qualsiasi barriera identitaria.
Peccato per l'errore di gioco che si vede nel film, il calcio d'inizio non si batte da centrocampo ma dall'area di meta. Si poteva usare un po' più di attenzione. Ottimo Morgan Freeman nella parte di Mandela, compassato Matt Damon nella parte del capitano degli Springbooks.
Da vedere.

lunedì 1 marzo 2010

ISTANBUL

Ho scoperto Orahn Pamuk, grazie ad una puntata di "che tempo che fa", la trasmissione di Fabio Fazio, qualche anno fa. L'autore, in una lunga intervista, aveva presentato proprio questo libro. Quello che mi aveva colpito delle parole dello scrittore turco era il fatto che non decantasse la sua città quasi facendone un grande spottone ma sottolineasse soprattutto l'aria decadente e molto triste che avvolgeva lei ed i suoi abitanti.
Questo senso di tristezza per un passato che non c'è più ed un futuro incerto traspira per tutte le quattrocento pagine di Istabul, in cui l'autore filtra la sua città tramite la narrazione delle vicende della sua famiglia, un passato da borghesi ricchi ma ormai decadenti.
Questo intreccio tra le vicende famigliari e i luoghi della città danno il senso del limbo in cui la Turchia ed i turchi si trovano oggi, incapaci di scegliere su tutto (europei od asiatici, islamici o laici ecc.), vivono una vita mediocre e alla deriva.
Da leggere assolutamente