mercoledì 22 ottobre 2008

ANI DIFRANCO, ROLLING STONE 21.10.08

E' inutile stare a descrivere minuziosamente il concerto di ieri, riportare una fredda scaletta delle canzoni che Ani ha fatto. L'unica parola che mi viene in mente dopo aver assistito al suo concerto è EMOZIONE, un vortice di emozioni che ti avvolgono per tutta la durata del concerto e ti lasciano stremato alla fine. Ormai, al quarto concerto di Ani che assisto, non c'è neanche più la trepidazione di sentire nuove canzoni, o almeno non solo quello, ma la voglia di rivedere una persona che pur non conoscendo consideri amica, perchè con lei hai condiviso stati d'animo molto intimi e a cui ti senti legato quasi foste nati nello stesso posto. So che queste mie parole potranno sembrare ai più vaneggiamenti, ma credo che sia l'unico modo per far capire cosa si prova di fronte a un concerto di Ani DiFranco. Stupendo.
P.s. Anais Mitchell mi ha colpito un casino, davvero brava. Sentire Shy, here for now e Napoleon dal vivo da soli valevano il prezzo del biglietto.

Nessun commento: